Attività

  2012 Teatro Valle OccupatoNon accadeva da 15 anni una reunion di tali fattezze: nel 1999, in occasione delle celebrazioni per i 10 anni dalla caduta del muro di Berlino, su un palcoallestito davanti alla Porta di Brandeburgo, Mstislav Rostropovich suonò Davidoff, Bach e Villa Lobos, insieme ad altri 166 violoncellisti, provenienti da 17 paesi. I 100 violoncelli del Primo Maggio 2013, il folto e atipico ensamble di cui molto si è parlato, è stata la seconda reunion italiana in linea con l’evento storico di 15 anni fa, seconda solo a se stessa, perchè 100 violoncellisti provenienti da tutta Europa, a marzo 2012, si riunirono durante una delle rivoluzioni contemporanee che passeranno alla storia, tra le mura e con l’aiuto del Teatro Valle Occupato. Un’idea, un evento senza precedenti, uno sciame portatore di nuovi modi di vivere la cultura della musica: il suo aspetto sociale, il suo valore inestimabile, proprio perché fatto non soltanto di note, ma anche di sensazioni, suggestioni e emozioni, ha fatto il giro dei media di tutta Italia, diventando oggi un vero e proprio “marchio di fabbrica”: un’utopia che si fa reale nell’atto di compiersi. Giovanni Sollima, violoncellista tra i più grandi nomi del panorama musicale mondiale, che si spinge ad esplorare sempre nuove frontiere, insieme al compositore e violoncellista Enrico Melozzi, sino gli ideatori del progetto de I 100 VIOLONCELLI.

 

 

2013-Concerto-del-Primo-MaggioSe il 2012 è stato l’anno della sperimentazione di un progetto diventato realtà grazie alla forza del messaggio, della sua chiamata alle arti e dei due artisti ideatori, l’anno successivo quell’operazione è stata premiata e, trovando nuovi disegni e repertori ad hoc per l’occasione, è stata protagonista del Concerto del Primo Maggio in piazza San Giovanni. La terza edizione dei 100 violoncelli, sarà a Milano, presso la Triennale e il Teatro dell’Arte, nella prima edizione fuori dalla capitale, sperando che questo possa portarci sempre pià lontano, e conoscere sempre nuovi violoncellisti e artisti in tutto il mondo.

I 100 VIOLONCELLI – La storia / L’idea

I 100 violoncelli nascono nel 2012 all’interno del Teatro Valle Occupato, con lo scopo di dimostrare che si possono abbattere anche barriere di carattere pratico, grazie alla bellezza.

E’ la prima volta in Italia che un numero così vasto di violoncellisti si trova fianco a fianco a lavorare insieme e per qualcosa di così tanto innovativo e aggregativo come l’esperienza di suonare repertori nuovi e trasversali”, dichiara il compositore Melozzi. Ed è per questo che da questo progetto nasce “100 cellos live at Teatro Valle Occupato”, disco pubblicato dall’etichetta Cinik, in collaborazione con la Casa Musicale Sonzogno, uscito proprio il 29 aprile 2013. Come l’errore scatena poesia, così la magia di quell’adrenalina crea l’alchimia di un disco così carico di colore dichiara il maestro Sollima – così poco neutro, ma anzi sporco di reazioni, d’improvvisazioni, di vita, da essere il risultato del più grande, unico e orgiastico happening di violoncelli”.

2014-Triennale-di-MilanoMuniti del loro ingombrante strumento, “i 100” si aggiravano incontrastati per Roma, per far vivere le piazze, le strade, i quartieri. Suonavano antica e nuova musica, mettevano in campo nuovi modi di fare musica attraverso una “chiamata alle arti”, in cui passione civile e creatività artistica si fondono in un evento inedito, ben più ricco e articolato di un concerto. L’idea trova, nella sua apparente “irrealizabilità”, il suo punto di forza. Musicisti di età e formazione diversa, interscambio tra culture e livelli differenti, laboratorio permanente, ma in movimento: un movimento che ancora oggi ribadisce la necessità di tornare a occuparsi della cultura, sia essa musica, teatro, canto. La promozione di forme di creatività musicale non esclusivamente legate all’esecuzione di repertori già esistenti è una delle prerogative di questo progetto, insieme alla democraticità del suo funzionamento e ad un’ampia base di partecipazione.

3 giorni di eventi attorno al potere della musica, dell’aggregazione all’ennesima potenza, della sperimentazione, dell’improvvisare insieme, del creare insieme. Un evento che si struttura sempre in un range di tempo che si muove nelle 72 ore. Nell’arco di questo tempo, performance da solisti, da duo, da piccoli ensamble, si alternano e susseguono in ordine sparso, fino ad arrivare a scritture per 100 violoncelli, da eseguire a prima vista. Inoltre, ad alternare le performance, incursioni di nomi interazionali del mondo della musica.

 Le collaborazioni speciali:

100 celli promotion15Ernst Reijseger, Quintorigo, Marco Mengoni, Sarah Jane Morris, Rocco Filippini, Jonathan Aasgaard, Andres Lopez, Paolo Beschi, Mauro Cottone, Monika Leskovar, Hannah Suhyoung Eichberg, 16 Strings Cello Project, Paolo Damiani, M°Antonio Mosca (fondatore della scuola Suzuki), Elsa Lila, Mauro Valli, Silvia Chiesa.

Il concorso di composizione “in clausura”:

I 100 violoncelli hanno lanciato per la prima volta un bando rivolto a giovani compositori italiani e stranieri. La giuria, presieduta da Nicola Piovani e composta da Piero Ostali, editore musicale; Enrico Melozzi, compositore; Silvia Colasanti, compositrice; e un cittadino / socio fondatore della Fondazione Teatro Valle Bene Comune, ha selezionato 8 candidati, scelti sulla base di composizioni inviate in formato mp3.

Gli 8 sono stati ammessi alla prova di “clausura in teatro”, per una durata di 12 ore circa, entro le quali sono entrati in una vera e propria clausura), per comporre un brano della durata non superiore ai 2 minuti, su un tema musicale scelto e proposto dalla commissione. 

Il giorno 1° maggio 2013 alle ore 11, i 100 violoncelli diretti da Giovanni Sollima, alla presenza della giuria e del pubblico in sala, hanno eseguito gli 8 brani prodotti nel periodo di clausura, in versione breve della durata di 1 minuto circa. Il miglior pezzo è stato eletto ed eseguito nella sua versione integrale di 2 minuti. Il brano vincitore è stato pubblicato dalla Casa Musicale Sonzogno di Milano, dopo essere stato eseguito sul palco del Primo Maggio durante la performance dei 100 violoncelli.

Quest’anno il concorso per i compositori sarà riproposto e come premio, oltre alla pubblicazione da parte di Casa Musicale Sonzogno, il brano sarà eseguito alla Scala di Milano dall’ensemble di violoncellisti della Scala, in data da destinarsi.

100 celli promotion15 La diretta

Una partnership importante per questo progetto è quella con Radio 3. radio-rai-3-logo

Da sempre impegnata in progetti culturali dal respiro internazionale e dal taglio educativo e stimolante, la nota emittente radiofonica sposa il progetto dei 100 violoncelli e del Teatro Valle Occupato dedicando alla 3 giorni ben 3 dirette dal Teatro, con ospiti, stralci di concerti e il concerto integrale del 1° maggio mattina al Teatro Valle, in occasione del primo contest “in clausura”, in cui sono stati eseguiti alcuni brani che sono poi saliti sul palco del primo maggio alla sera e i pezzi dei compositori che hanno preso parte al contest “in clausura”. In quell’ora infatti è stato proclamato anche il vincitore del concorso.

I 100 VIOLONCELLI – Il disco

15 tracce, più di 10 ospiti internazionali, 1 brano registrato in Creative Commons.“100 cellos live at Teatro Valle Occupato” è prima di tutto un’esperienza. Nato dalla collaborazione tra l’etichetta Cinik (Enrico Melozzi), la Casa Musicale Sonzogno, Giovanni Sollima, il Teatro Valle Occupato e i molti grandi artisti del panorama musicale internazionale che ne hanno voluto fare parte, il disco è parte integrante di un grande progetto che scardina una concezione classica di fare e fruire la musica. In uscita il 29 aprile 2013, ospita Marco Mengoni, Elsa Lila, Sarah Jane Morris, Paolo Damiani, Enrico Dindo, Monika Leskovar, Enrico Melozzi, Mauro Valli, Naomi Barril, Jacopo Di Tonno, Silvia Chiesa, Maurizio Baglini.

100cellos_color1La novità del disco

La traccia num. 10, intitolata appositamente “Creative Commons 001”,è depositata con marcatura temporale su Patamu.com, e rilasciato con licenza Creative Commons CC BY-NC-SA 3.0. Per dare un segnale concreto che seguisse la filosofia di Bene Comune del Teatro Valle Occupato, abbiamo realizzato e rilasciato un brano con tale licenza, che permette di distribuire, modificare, creare opere derivate dall’originale, ma non a scopi commerciali, a condizione che venga riconosciuta la paternità dell’opera all’autore e che alla nuova opera vengano attribuite le stesse licenze dell’originale. Speriamo con questo gesto di aver contribuito con una piccolissima goccia a smuovere le acque del copyright tradizionale. 

Note disco

Un disco diverso perché pregno di pubblico, di teatro, di suoni altri rispetto ai soli emessi dal concerto sul palcoscenico; di eccitazione, di adrenalina, di rumori, di reazioni, di “reazione” perché dentro ad uno spazio restituito alla città attraverso progetti come questo, di errori. E’ l’imprecisione di alcuni momenti, infatti, la sperimentazione del suonare insieme senza schemi dettati da livelli e prove precostituite, è il ribaltamento dei vecchi parametri che ha reso questo disco un pezzo raro e questo progetto una chimera che prende corpo. Non sono solo i professionisti a fare di questo disco il disco che è, ma anche e soprattutto i giovanissimi, le prime volte, la commistione di musicisti alle prime armi, con i grandi artisti che hanno deciso di metterci i loro corpi, la mistura senza ordine di bravura, ma piuttosto il rovesciamento degli ordini classici, dove i grandi nomi fanno “i ragazzacci dell’ultimo banco”, mentre in prima fila i più piccoli e inesperti saltano nel vuoto, si prendono i silenzi, gli applausi, le perplessità, il pubblico, in piena faccia! Tutto ciò fa di questo “sentire” un disco umano. Ascoltare tracce come l’Halleluja di Leonard Cohen suonata dai 100 violoncelli, provoca in chi ascolta per la prima volta e ancora di più le volte successive, la produzione di un’immagine ben definita, quella di un branco di pesci o uno stormo di uccelli, in cui d’un tratto un piccolo gruppo distrae quell’unisono, si stacca dagli altri per poi tornare indietro. 

Back to Top
UA-48836328-1